fbpx

Ecobonus 2019: la proroga che vale anche per la sostituzione degli infissi

Ultimamente, si sente spesso parlare dell’Ecobonus e il motivo è ben chiaro: a breve potrà essere confermata la proroga per il 2019. Pertanto, sarà ancora possibile avvalersi delle detrazioni fiscali, per quasi tutti i lavori in grado di favorire il risparmio energetico di un immobile. Andiamo a vedere in cosa consistono le detrazioni attuali e future.

Cosa prevede l’Ecobonus 2019?

Nello specifico, abbiamo a che fare con una detrazione fiscale dal 50% al 65%, da applicare sulle spese sostenute per gli interventi capaci di ottimizzare i consumi energetici di un edificio. La proroga dell’Ecobonus è stata inserita nel DDL della Legge di Bilancio 2019 e, chiaramente, anche questa volta non tutte le spese risulteranno detraibili.

Potranno infatti fruire delle detrazioni solo coloro che hanno deciso di eseguire intelligenti interventi di coibentazione e/o di optare per l’installazione di caldaie a condensazione ad alta efficienza, per l’implementazione di collettori solari per la produzione di acqua calda sanitaria e per la realizzazione di sistemi di building automation. In questi casi, la detrazione prevista è pari al 65%.

Rientrano nell’Ecobonus 2019 anche gli interventi di sostituzione delle finestre e degli infissi, e l’installazione di schermature solari. In questa eventualità, la detrazione Irpef prevista è pari al 50% delle spese sostenute. La stessa percentuale di detrazione è rivolta a coloro che hanno deciso di installare caldaie a biomassa e caldaie a condensazione ad efficienza più bassa.

Il bonus per i condomini

Anche i lavori condominiali possono rientrare nell’Ecobonus: permettono di fruire di una detrazione tra il 70% e il 75% delle spese sostenute.

Quando si uniscono gli interventi per l’efficientamento energetico ad alcuni lavori finalizzati alla riduzione del rischio sismico degli edifici, le percentuali possono salire fino all’85%.

In ogni occasione, la precisa entità della detrazione verrà stabilità a seconda degli interventi effettuati.

L’approvazione definitiva: in arrivo entro Natale 2018

L’approvazione del testo relativo alla Legge di Bilancio 2019 arriverà a breve, per poi entrare in vigore dal 1° gennaio 2019. A quel punto, la proroga sarà ufficializzata.

Al momento, la scadenza dell’Ecobonus in vigore è prevista per il 31 dicembre del 2018 per i privati, mentre per i condomini la scadenza è molto più lontana: è stata fissata per il 31 dicembre del 2021.

Finora, i tetti delle spese per le quali è possibile beneficiare delle detrazioni sono fissati a 30.000, 60.000 e 100.000 euro, per tutti gli interventi relativi alla riqualificazione energetica degli immobili. Sembra che prossimamente verranno proposti dei nuovi tetti di spesa, ma per il momento dobbiamo considerare queste cifre che, di certo, non ci lasciano indifferenti.

Come accedere all’Ecobonus 2019

Nonostante la proroga e i cambiamenti previsti per il futuro, restano intatte le modalità di richiesta e risulta ancora fondamentale tenere da parte tutte le ricevute dei pagamenti e le documentazioni che accompagnano gli interventi svolti. Potranno beneficiare delle detrazioni persino i titolari di reddito d’impresa.

Ser.All. si impegna a proporvi le soluzioni migliori per i vostri immobili, ma anche tutte le indicazioni che vi aiuteranno ad accedere all’Ecobonus e a ricevere le detrazioni fiscali di cui potrete beneficiare grazie ai nostri interventi.

POST A COMMENT